Conservazione degli omogeneizzati fatti in casa

    Qualche consiglio per la conservazione degli omogeneizzati preparati in casa. Gli omogeneizzati si conservano un giorno in frigo (quelli di verdura anche tre, ma non fatelo) purché raffreddati direttamente nel frigorifero.
Potrete servire gli alimenti dopo averli riscaldati al microonde (meglio un programma per lo scongelamento o almeno una gradazione bassa per evitare di cuocere ulteriormente gli alimenti) o, se non potete fare altrimenti, in un pentolino a bagnomaria. Non lasciate mai gli omogeneizzati fuori dal frigorifero per farli tornare a temperatura ambiente per evitare che si formino dei batteri (nel caso, è sempre più sicuro scongelare in frigorifero!).

    Un altro metodo per la conservazione è il sottovuoto: potete procurarvi dei barattoli appositi (considerate che una porzione grande di pappa è massimo di 300gr) e, dopo averli sterilizzati nell’acqua bollente per cinque minuti, o con uno sterilizzatore, basta riempirli con la pappa ancora calda e farli raffreddare capovolti (15-20 min). Premete infine sul coperchio: se non si muove e non fa rumore, il procedimento ha funzionato. Per la verdura il procedimento di solito è sufficiente, la frutta è molto più delicata ed è difficile conservarla senza zucchero. Per questo se volete provare dovete pastorizzare l’omogeneizzato (e quindi dovete bollire ulteriormente il barattolo già pieno). Ovviamente, l’igiene e la freschezza dei prodotti sono imprescindibili.

   Per periodi di conservazione più lunghi, un’altra opzione è congelare la pappa, usando vaschette o sacchetti per il congelamento. Per favore, non usate bicchierini di carta o altri stratagemmi di cui ho letto in rete, la conservazione degli alimenti è una cosa seria, e il vostro bambino ha bisogno di alimenti sicuri. L’alluminio non è sicuro, la plastica dei bicchierini non isola, e oltretutto è sempre il caso di evitare vuoti a perdere o comunque lo spreco di materiali (per questo non amo nemmeno i sacchetti per congelamento di cui parlo più avanti). Le vaschette per congelamento non si rompono, congelano in maniera uniforme, evitano la penetrazione di agenti esterni, costano poco, fanno sempre comodo più tardi per congelare altre cose (il prezzemolo tritato per esempio), e molte vaschette sono adatte anche al microonde, così non avrete bisogno di cambiare contenitore per scongelare gli alimenti. Se proprio non volete munirvi di vaschette, con meno di due euro potete comprare un centinaio di sacchetti per congelamento (da non usare assolutamente nel microonde!); state solo attenti a far congelare il sacchetto in una posizione in cui sia poi possibile estrarre la pappa senza lasciare pezzi di plastica dentro. Gli omogeneizzati si congelano dopo essere stati raffreddati direttamente nel frigorifero e si conservano circa sei mesi (non esagerate con le quantità, perché vostro figlio mangerà omogeneizzati
per solo sei, massimo otto, mesi).
   Meglio scongelare gli alimenti nel micronde a bassa temperatura o in frigorifero, per prevenire la formazione di batteri. Ricordatevi ovviamente di aprire un poco il coperchio della vaschetta per congelamento, se ne usate una. Mescolate bene prima di servire, perché il microonde non scalda gli alimenti in modo uniforme. Assolutamente vietato ricongelare.

   Per i viaggi potete utilizzare una borsa frigo per trasportare gli alimenti cotti la mattina o la sera prima; in qualunque bar o ristorante potete chiedere di farvi scaldare la pappa al microonde per mezzo minuto (se vi rispondono di no non comprate niente e andatevene!). Per il giorno dopo potete portare degli omogeneizzati sottovuoto nella borsa frigo, per periodi più lunghi per favore andate sul sicuro e portatevi degli omogeneizzati industriali: nel dubbio è sempre meglio non rischiare! E per la frutta? Si porta fresca: una banana o un avocado si preparano ovunque, in meno di un minuto.

Labels: ,