Risotto alla zucca


Ci sono alcune cose con cui l’autunno ci aiuta a dimenticare con meno tristezza l’estate: i colori della natura – arancio, rosso e bordeaux, i toni caldi del marrone – i primi momenti passati avvolti nella lana, le noci fresche, le zucche. Piccoli appuntamenti d’inizio inverno. Si ricomincia a correre e lavorare ma allo stesso tempo si rallenta e si ha più tempo per pensare.


Mi piace portare a tavola frutta e verdura di stagione, riempire il portafrutta con colori nuovi. Tra le altre cose è tornata lei, la zucca! Lo sapete che della zucca non si butta via niente? Con la buccia si decora, la polpa si mangia, i semi pure (oppure diventano olio), e con la “barba” si realizzano perfino spugne. Per le amanti del riciclo come me è perfetta…

Questa ricetta va benissimo anche per i bambini a partire da un anno di età, purché si mantenga la quantità di sale, e eventualmente di spezie, bassa.

Ingredienti:

riso per risotto
zucca (fino a 100gr per 100gr di riso, dipende dai gusti!)
brodo di carne
1 scalogno
burro
olio
sale
pepe
prezzemolo  

Sciogliete una noce di burro nell’olio (preferisco questa combinazione al solo burro, è più leggera), poi saltatevi lo scalogno pulito e affettato finemente. Unite i cubetti di zucca, saltate e lasciate cuocere finché non si sono ammorbiditi un po’. Per far questo potete eventualmente aggiungere del brodo e/o cuocere usando il coperchio – ogni qualità di zucca reagisce in modo diverso, quindi vi conviene provare con una forchetta per controllare la cottura.

Unite il riso (se avete usato del brodo per la zucca controllate prima che si sia completamente asciugato), e tostatelo per un minuto o due, mescolando in modo che non si attacchi alla pentola e cuocia in modo uniforme (calcolate il tempo di cottura dei riso includendo questi minuti). Aggiungete il brodo caldo, prima in modo da coprire il riso, e poi poco a poco in modo da terminare la cottura con un risotto asciutto. Potete aggiungere sale (regolatevi anche a seconda del sale già contenuto nel brodo) e pepe, meglio se bianco – il pepe va assaporato, non visto!
Servite caldo, spolverando ogni piatto con del prezzemolo fresco pulito e tritato.

Labels: , , , , ,