Pesto



[English recipe below]

Posto questa ricetta per un’amica tedesca che è partita qualche giorno fa, e purtroppo in questi mesi non è la sola. Difficile non farsi prendere dalla nostalgia quando tante persone care “finiscono” dall’altra parte dell’oceano. Ma qualche piccolo aspetto positivo c’è: un impulso in più a viaggiare, anche con i bimbi così piccoli, e magari più cura per la versione in inglese di queste pagine… e poi la mia amica aspetta un bambino, forse è ora che ripercorra tutto quello che ho scritto da un anno a questa parte e mi metta a tradurre, che ne dite? Dopotutto tradurre sarebbe anche il mio lavoro! Così mi tengo allenata…


Ecco la ricetta del pesto classico. Purtroppo ho notato che all’estero si tende a crederla una salsa complicata e a comprare quella già fatta (che come ben sappiamo non ha lo stesso sapore), ed è davvero un peccato. Chiedo scusa se la quantità degli ingredienti non è ben precisata, ma dipende dalla qualità del basilico e dei pinoli. L’equilibrio va trovato lì per lì…

Ingredienti:

un mazzo di basilico fresco e profumato
tanto olio extravergine d’oliva
uno spicchio d’aglio
una manciata di pinoli
parmigiano grattugiato
un pizzico di sale

Lavate e asciugate le foglie di basilico, e pestatele o tritatele assieme agli altri ingredienti, gustate e aggiungete più sale, formaggio o pinoli se necessario. L’olio deve essere sufficente per ottenere una salsa (non troppo) liquida.
   Usate subito la salsa (perché non si annerisca). Per un abbinamento perfetto scegliete le trofie, o ancora meglio i testaroli (nella foto). Purtroppo fuori dall’Italia sono entrambi piuttosto difficili da trovare (me tapina)…

Ora che siamo nella stagione estiva vi consiglio anche di provare anche il pesto alla siciliana, aggiungendo a questa ricetta base pomodori a pezzetti e ricotta fresca. Ne parlo qui. Buon appetito!



I’m writing this post for a friend who left for US some days ago, and unfortunately she’s not the only one. It’s really difficult to not get nostalgic when so many good friends “end up” on the other side of the ocean...
But there’s a good side even in that: a good reason for travelling (it’s always good to travel, even when the kids are so small), and maybe I will finally make up my mind and take the time to translate my recipes from last year! Even the babies’ ones, after all my friend is expecting…

That’s the recipe of the classic pesto. For the “Sicilian” version (I wrote about it here, but the English version is still missing, as I just said…) you just need to add 500 grams of diced tomatoes and fresh ricotta (considering that the earth is covered with Italians, I think by now it’s available everywhere). I’m sorry if the quantities for the ingredients are not precise, but it really depends on how the basil and the pine kernel taste. You need to find the right equilibrium while you’re cooking.

Ingredients:

A bunch (is it really the correct word?!) of fresh fragrant basil
A lot of extra virgin olive oil
A garlic glove
A handful of pine kernel
Grated Parmesan
A bit of salt

Wash and dry the basil leaves, grind it together with the other ingredients. Taste and add more salt, cheese or pine kernel if necessary. The oil should be enough for a (not too) liquid sauce.
Prepare the sauce only when you need to use it (it becomes a little dark otherwise). It combines well with short pasta – trofie would be a perfect match, or even the testaroli (in the picture), a pastry of white and wheat flour typical from Liguria, but they’re both difficult to find outside Italy even in Europe! Maybe in a really good Italian shop…

Labels: , , , ,