Arte con la 'pasta' di mais



In realtà, al di là delle marche, non so bene quale sia il nome giusto per questo tipo di materiale... fatto sta: è finita che l’abbiamo provata anche noi. In realtà non ci stavo nemmeno pensando, ma il piccolo l’ha vista in un negozio di hobbistica e l’ha voluta. Chissà come fanno i bambini a scegliere esattamente le cose cui a mamma e papà è difficile dire di no?!
Bisogna dire che i prodotti naturali hanno questa proprietà, che vanno chissà come a colpire certe aree del tuo cervello di genitore suggerendoti che il tuo bambino deve assolutamente avere quel prodotto, che gli farà bene, che lo stimolerà in maniera del tutto nuova, che lo farà diventare più intelligente, e via di seguito… e di tutta questa intelligenza aggiuntiva ne risente il prezzo, ovviamente. A me verrebbe da replicare che sale, farina, coloranti alimentari, tè, caffè, e tante cose che abbiamo usato in questi mesi sono altrettanto naturali e che si possono fare in casa, ma pazienza. Proviamo, per una volta.



A essere sinceri a me non è piaciuta, ma mi sono divertita lo stesso moltissimo perché per una volta abbiamo avuto papà a provare con noi. Da brava acquarellista io bagnavo troppo i pezzetti di pasta, che finivano per sciogliersi. Invece mio marito e mio figlio li hanno trattati più come mattoncini e hanno cominciato subito a costruire draghi, soli, alberi e pupazzi, finché i pezzetti si sono esauriti e il gioco è finito.


È rimasto solo qualche cubetto qua e là, e così alla fine ho proposto di provare a dipingerci… strano! Anche questo è stato divertente: i pezzetti un po’ si scioglievano lasciando una traccia di colore vivo e un po’ rimanevano in rilievo, e poi era divertente dipingere schiacciando con le dita. Alla fine abbiamo anche sacrificato qualche opera d’arte fatta con papà… per fortuna non se l’è presa!

Prima di lasciarvi vi avverto che mercoledì avrò un altro ospite a parlare d’arte per bambini - anzi due! Due che di ‘arte’ con i bambini ne fanno veramente tanta… avete indovinato? Curiosi? A prestissimo allora!


Labels: , ,