Borsa da una giacca a vento (senza tagliare) – Bag from a child jacket (no cutting)


Mi dovete perdonare se in questi giorni mi vedete poco da voi ma ho ospiti a casa, e riesco quasi a malapena a postare qui sul blog (complice anche la programmazione in anticipo). Non vi preoccupate: la prossima settimana avrò più tempo, e vi dirò anche finalmente chi ha vinto i mostriciattoli!

This bag has been made by my mother-in-law using a child jacket. The zipper was broken, but it had those nice big pockets, and such a nice colour… we had to do something with it! Unfortunately I wasn’t able to take pictures while she was sewing because my son refused to sleep and I had to take care of him. What I love most about this bag is that the jacket hasn’t been cut at all, just folded – in theory, if you cut the seam off, you’ll get a child jacket… with a broken zipper!



Oggi voglio mostravi un lavoro non fatto da me, ma da mia suocera. Avevamo per le mani questa giacca da bambino con la cerniera rotta e, visto che di giacche ne abbiamo tante, abbiamo pensato di usarla per un recupero creativo.


Volevo farne un foto-tutorial, ma purtroppo mio figlio si è svegliato e non sono riuscita ad assistere la sua creazione… la cosa più bella di questa borsa è che la giacca non è stata assolutamente tagliata, ma solo ripiegata. Il cappuccio è diventato una tasca interna, e la taschina portacellulare della giacca è rimasta anch’essa all’interno, con la stessa funzione. In pratica scucendola potreste riavere una giacca da bambino… con la cerniera rotta!


Per la tracolla abbiamo utilizzato un pezzo di cinghia da avvolgibili, comprata in un negozio di bricolage. Mi piace tantissimo! Certo, dovrò farne un’altra visto che questa la regalerò all’amica che mi ha dato la giacca assieme a tanti vestiti usati dai suoi bimbi… dentro si può leggere ancora il nome del suo primogenito sull’etichetta! Penso proprio che le piacerà: è un bel ricordo, e poi lei ha uno stile sportivo…
Sto cercando di convincere mia suocera a partecipare al mio shop… che ne dite? Anche se non so se ci riuscirò...

Labels: , ,